Tutte Le Lettere Per Rossana

Rossana Rossanda resterà la ragazza del secolo scorso, espressione di una personalità vivace, cristallina, mai doma. Le sue posizioni pur criticate hanno meritato l’attenzione all’ascolto. Ho rivisto l’intervista televisiva rilasciata a Propaganda Live di due anni fa, ci sono passaggi ricchi e densi di significato che lasciano il segno, come il senso della comunicazione, la critica ad una sinistra smarrita che non rappresenta più da tempo, la parte sociale più debole.

Questa credenza fu ripresa dal popolo cristiano che nell’olio vide un chiaro riferimento al Cristo, l’Unto del Signore. Al posto della taverna si costruì, dapprima, unadomus eccelsiae, un’abitazione privata in parte destinata a celebrazioni religiose, e, in seguito, una vera e propria chiesa. Fu Papa Callisto I, nel III secolo, l’artefice del primitivo oratorio, portato a termine, un secolo più tardi, dal pontefice Giulio I. La basilica di Santa Maria in Trastevere si contende, perciò, con Santa Maria Maggiore, il titolo di luogo di culto mariano più antico di Roma. Il punto in cui sgorgò l’olio, identificato con la scritta “fons olei”, si può, ancora oggi, vedere sopra un gradino dell’attuale presbiterio. Questo spiega anche il messaggio e il metodo del Papa. Egli guarda al mondo con pietà, non con biasimo.

Ho iniziato a far politica con le “Tesi del Manifesto” (1972 ? ’73?), vendevo il giornale davanti scuola, ho continuato a cercare con voracità ogni suo articolo. Ricordo anche di non aver condiviso l’indicazione di voto per Toni Negri e la recensione di Guerre Stellari. Gli invalidi del lavoro , i partigiani e tutte le persone diverse da noi venivano risaltate dai suoi racconti non come gli ultimi ma come il cuore del lavoro e del mondo sociale.

  • E sento, senza sentimentalismi, sento nel più profondo delle cose quello che mi dice il Signore.
  • – Che questi signori monaci abbiano l’intenzione di tenerci prigionieri?
  • “Ho cercato di fare prevalere le ragioni, ma ho avuto grandi torti, del resto chi può negare di sé di non averne avuti”.
  • Con Rossanda esce di scena un mondo e un modo di guardare ai fatti.
  • Siamo discepoli, ma anche missionari e portatori di Cristo, là dove Lui ci chiede di essere presente.
  • È bastata la lettura dei suoi articoli e dei suoi libri a questo fine.

Dal ’43 al ’45 la sua terra, la campagna toscana, fu occupata dai tedeschi. https://ojectblue.com/casino-online-canada/ Due lunghi inverni in cui mancava da mangiare. Lei, bambina, fu testimone diretta di omicidi e violenze. Nel suo modo semplice mi ha insegnato ad amare la pace e ad odiare i fascisti, e, con loro, qualsiasi usurpatore. Più tardi, ho incontrato e conosciuto di persona tanti giornalisti del Manifesto ma mai Rossana Rossanda.

Al Jubail, dal mare sembra un enorme polo industriale con il nulla intorno. Un piccolo villaggio arabo diventato città troppo rapidamente intorno all’industria del petrolio. Di nuovo, dalla murata della nave, Orso scruta in basso. Qui i lavoratori sono quasi tutti con gli occhi a mandorla. Alcuni, ma pochi, con tratti indo-pachistani.

“Un’altra ragazza”, cover di “Love me do”, viene invece inizialmente registrata con un arrangiamento che rifà vagamente il verso al recente successo “Kiss” del cantautore Prince, ma nel disco alla fine comparirà una versione con arrangiamento più simile all’originale dei “Fab Four”. Anche per chi non è di sinistra, come chi scrive, aver appreso della recente dipartita di Rossana Rossanda è stata una notizia che giammai avremmo voluto ascoltare. Era un’intellettuale – aveva partecipato attivamente anche alla Resistenza – che incuteva rispetto per aver coltivato le sue idee e la sua teoresi con un rigore stoico, che ne fa un monumento di coerenza politica.

Leave a Reply